Presentata la nuova edizione di SAIE, la Fiera delle Costruzioni (19-22 ottobre, BolognaFiere), dove la filiera si ritrova per conoscere le novità tecnologiche e legislative, e proiettarsi nel futuro

4 Mag 2022

PNRR, incentivi fiscali e fondi europei rappresentano un’occasione storica per la realizzazione di nuove infrastrutture strategiche e la rigenerazione del patrimonio edilizio pubblico e privato. È la dimostrazione del ruolo vitale che le costruzioni – collegate, secondo Federcostruzioni, a quasi il 90% dei settori economici – giocano nell’economia italiana. E proprio questo tema è stato il fulcro della conferenza stampa di presentazione di SAIE, la Fiera delle Costruzioni – Progettazione, edilizia, impianti (BolognaFiere, 19-22 ottobre 2022), dal titolo Costruzioni: dal PNRR ai bandi europei. Opportunità, incentivi e investimenti per favorire l’innovazione nel settore“. Organizzato da Senaf, l’evento ha acceso i riflettori sullo stato dell’arte del settore e sui passi da compiere per non perdere il treno degli investimenti.

Il comparto ha avviato un percorso di innovazione e crescita, che ha prodotto notevoli effetti già dallo scorso anno. Basti pensare che nel 2021 gli investimenti in costruzioni sono cresciuti del +16,4% e la produzione del +24,1% (fonte Ance). Secondo i dati ENEA, gli interventi legati al Superbonus 110% hanno raggiunto, al 31 marzo 2022, i 24,2 miliardi di euro (quasi il 70% si riferisce a lavori già realizzati). OICE segnala, poi, che il valore dei bandi di progettazione è cresciuto del +3,1% rispetto al primo trimestre 2021. Risultati importanti, che portano la filiera a interrogarsi sulle strategie migliori per affrontare le sfide odierne, su tutte l’inflazione.

Grazie anche ai bonus fiscali, nel 2021 tutti i comparti – dalla riqualificazione abitativa alle nuove costruzioni – hanno mostrato segnali di grande vivacità, come non avveniva da anni. In particolare, la nuova edilizia residenziale e il non residenziale privato mettono a segno aumenti pari al +12% e al +9,5%. Stesso discorso per gli investimenti in opere pubbliche, con un boom del +15% nell’ultimo anno, a dimostrazione del primo, forte impatto del PNRR sul settore, interessato da 108 dei 222 miliardi di euro stanziati. Nel primo bimestre 2022, rispetto allo stesso periodo del 2021, il numero di bandi di gara per i lavori pubblici è diminuito del -6% ma, complici gli interventi di grandi dimensioni, gli importi banditi sono aumentati del 214%.  Ora, però, l’aumento del costo delle materie prime, il caro energia e una generale spinta inflazionaria mettono a rischio la crescita degli investimenti, che dovrebbero attestarsi comunque sul +0,5% a fine 2022. Resta da capire come le nuove risorse stanziate riescano a coprire gli extra costi, non solo negli appalti pubblici.

Servono soluzioni concrete ed efficaci, anche perché, come sottolinea Federcostruzioni, per ogni miliardo di euro investito nelle costruzioni, vengono generati effetti diretti e indiretti per 2,3 miliardi di euro (che arrivano a 3,5, tenendo conto anche dell’effetto di lungo periodo), e un incremento di oltre 15.500 posti di lavoro.

Quanto alla produzione nelle costruzioni, gli ultimi dati Istat parlano di un aumento del 24,1% nel confronto 2021-2020 e del 13,2% nel confronto gennaio 2022-gennaio 2021, ma il trend sembra in rallentamento e saranno decisivi i prossimi mesi. Non si arresta, invece, l’andamento positivo del Superbonus 110%. Al 31 marzo 2022 gli interventi sono stati 139.029, per un valore totale di 24,2 miliardi di euro. Anche nel mese di marzo si è registrato un incremento nel numero (+13,4%) e nell’importo (+14,6%, circa 3 miliardi).

Investimenti, incentivi e novità legislative saranno protagonisti di SAIE, che ritorna a Bologna dopo il successo dell’edizione 2021 a Bari. Ampio spazio sarà dato anche a tutti i principali temi dell’edilizia e dell’ambiente costruito: cantiere, sostenibilità, innovazione, efficienza energetica, digitalizzazione, integrazione edificio-impianto, transizione ecologia, nuove esigenze dell’abitare e del costruire. Quella di ottobre sarà una manifestazione dal format innovativo, che si articolerà in quattro saloni tematici – Progettazione e Digitalizzazione; Edilizia; Impianti; Servizi e media – e in numerose iniziative speciali, alternando esposizione e informazione con workshop e convegni.

“La storia ci insegna che, quando il settore delle costruzioni performa bene, tutto il sistema Italia cresce a ritmi elevati”, ha dichiarato Ivo Nardella, Presidente Gruppo Tecniche Nuove e Senaf, società organizzatrice di SAIE. “Ma per non sprecare la crescita dell’ultimo anno, occorre puntare su innovazione, sostenibilità e formazione, che cambieranno il volto di questa filiera. Parlo di un’innovazione a 360°, che nasce non solo da nuove tecnologie e nuovi processi, ma anche dalla condivisione del saper fare. Ora che l’edilizia è tornata centrale nell’agenda politica e le infrastrutture nei sistemi da ammodernare, fare networking, conoscere le novità legislative, approfondire e capire le eccellenze diventa ancora più importante e SAIE risponde perfettamente a queste esigenze. E lo ha fatto da Nord a Sud, con un’edizione a Bologna e l’altra a Bari, che dal 2018 si alternano per permettere a tutte le realtà italiane di allargare la propria rete commerciale e arricchire il know-how. SAIE offrirà a imprese, professionisti e alle tante associazioni del settore che ci sostengono il luogo ideale per definire le strategie del domani.”

“SAIE è per noi un evento di grande importanza – ha affermato Antonio Bruzzone, Direttore Generale di BolognaFiere –, un’occasione per confrontarsi, conoscere, tracciare piani di sviluppo. E quest’anno è ancora più strategico esserci, perché la filiera delle costruzioni è protagonista della ripartenza del sistema Paese dopo la pandemia, grazie agli investimenti del PNRR e al Superbonus del 110%. La piattaforma SAIE sarà il punto di riferimento per operatori e imprese, chiamati a discutere dei temi più importanti del settore delle costruzioni: sostenibilità, innovazione e digitalizzazione. Siamo felici di proseguire, poi, nella staffetta con la Nuova Fiera del Levante di Bari, di cui siamo partner industriali: l’alternanza strategica nell’ospitare il SAIE consente alla manifestazione di Senaf una copertura completa del territorio, vicina a tutte le realtà del settore delle costruzioni.”

“Anche quest’anno presenteremo al SAIE il Rapporto Federcostruzioni, uno strumento unico nel suo genere, che illustra la dinamica economica di tutta la filiera delle costruzioni, grazie al prezioso lavoro dei Centri Studi delle Federazioni e Associazioni membri della nostra Federazione, e al supporto del SAIE”, ha evidenziato Paola Marone, Presidente di Federcostruzioni. “La partnership con SAIE è importante, perché lì porteremo le nostre proposte per affrontare al meglio la sfida della riqualificazione infrastrutturale e abitativa del Paese per la rigenerazione urbana. PNRR e bonus saranno al centro del nostro intervento, insieme alla presentazione di alcuni importanti strumenti di innovazione europei che la Federazione contribuisce a mettere a disposizione delle PMI italiane. A testimonianza di ciò, illustreremo le innovazioni più interessanti promosse dai vincitori dei bandi Metabuilding”.

“Ospitiamo con piacere la conferenza stampa di SAIE 2022 –  ha dichiarato Regina De Albertis, Presidente di Assimpredil Ance –, perché ci consente di parlare di un settore che sta vivendo una delle fasi più assurde dal dopoguerra: una domanda in crescita e una difficoltà enorme a operare e rispondere nei tempi e nei modi necessari, a causa del caro prezzi e della difficoltà di reperimento dei materiali. Auspichiamo che le misure in fase di definizione da parte del Governo allentino le tensioni che si sono generate per l’impennata dei prezzi”.

A SAIE si terrà anche il terzo Forum Nazionale Massetti e Pavimenti organizzato da Conpaviper, l’associazione che rappresenta i settori dei massetti e delle pavimentazioni continue. Massimo Fumagalli, Presidente Conpaviper, ha commentato: “Dopo alcuni anni di intenso lavoro, mirato a definire norme e regole per la qualificazione del settore, abbiamo ritenuto necessario avviare una fase di più intensa collaborazione con l’intero settore delle costruzioni, a cominciare dai professionisti e dalle imprese. Per questo abbiamo deciso di partecipare a SAIE dove, grazie ai tecnici delle aziende associate, approfondiremo le novità normative e le soluzioni tecniche nell’ambito dei massetti per pavimenti, dei rivestimenti resinosi e delle pavimentazioni industriali, con un focus sulla logistica, e incontreremo alcune delegazioni di altri Paesi”.

Vai sul sito di SAIE