Calendario fiere
Home > Il Gruppo > La storia racconta > Gli scavi archeologici

Scavi archeologici nel Quartiere fieristico (1970-2007)

Fin dall'inizio degli anni settanta, in occasione del primo ampliamento dell'area espositiva, il Quartiere fieristico di Bologna si è rivelato una fonte di preziose testimonianze archeologiche.

I resti sepolti, portati alla luce grazie a ripetute campagne di scavo, mostrano che questa posizione di territorio è stata occupata ripetutamente nel corso dell'antichità, a partire dalle sporadiche frequentazioni di genti dell'Età del Rame (III millennio a.c.), fino all'epoca romana (I sec. a.C - IV sec. d. C).

Tra i molti rinvenimenti relativi alle passate occupazioni, che hanno visto il succedersi di diverse culture e popolazioni, le scoperte più interessanti sono quelle relative alla Prima Età del Ferro (IX - VIII sec. a.C), epoca durante la quale si sviluppò la cultura villanoviana.

E' stata ritrovata, infatti, la più grande necropoli mai scoperta in Emilia e un villaggio di notevoli dimensioni.
L'area sepolcrale si estendeva in corrispondenza della parte settentrionale dei pad. 14 e 15.

Panoramica dello scavo

Fibule restaurate

Rasoi restaurati